Torna indietro

CORSO

 

FIBROSI POLMONARE IDIOPATICA - IPF & FRIENDS

Data da 20-04-2023 a 21-04-2023
Crediti16,5
Responsabile Scientifico Venerino Poletti
Sede Ospedale G.B. Morgagni L. Pierantoni - Forlì IT
Regione Emilia Romagna
Figura Professionale Medico chirurgo (Discipline: Anatomia patologica, Malattie dell'apparato respiratorio, Medicina interna, Radiodiagnostica)
ProgrammaScarica il programma
Durata 12 ore
Codice Evento 374422
Obiettivo Formativo Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza - profili di cura
Tipologia Evento CORSO
Numero Max Partecipanti 20
Provider AIPO - Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (5079)
Test di Valutazione dell'apprendimento Previsto
Valutazione della qualità percepita Previsto
Contattiilaria.pasqua@aiporicerche.it

L'acronimo IPF (Idiopathic Pulmonary Fibrosis) corrisponde ad un quadro clinico-radiologico con un corrispondente background morfologico.

I confini definiti dalle linee guida e da una costante attività di ricerca consentono ai clinici e altri specialisti di comunicare con una chiarezza per un approccio multidisciplinare.

Tre significativi balzi in avanti hanno recentemente contribuito a comprendere meglio e trattare questa malattia ancora grave e identificare somiglianze con altri parenchimali diffusi le malattie con un "background fibrotico".

  1. La ricerca sulla patogenesi e sui trattamenti efficaci ha prodotto buoni risultati.
  2. Identificazione dei disturbi che condividono con l'IPF il “background fibrotico” e la progressione, nonostante i trattamenti steroidei/immunosoppressivi abbiano ampliato il campo in cui i “farmaci antifibrotici” possono avere (e hanno già) un ruolo.
  3. L'introduzione della criobiopsia transbronchiale nella pratica clinica consente una maggiore precisione diagnostica e reclutamento di tessuto polmonare utile in un contesto multidisciplinare.

 

IPF&Friends è da anni un Corso finalizzato a condividere in logica multidisciplinare idee e dati che possono aumentare le nostre conoscenze su questi “disturbi fibrotici polmonari a fenotipo progressivo”.